Italy in Us 2013: lo chef forsempronese Luca Zanchetti in America per promuovere il gusto "Made in Italy"

Mar 27, 2013 1237

Lo chef ricercatore Luca Zanchetti è stato scelto ed ingaggiato dalla dirigenza dei locali "Girasole" di Philadelfia e Atlantic City come chef promotore di cultura enogastronomica, in questo anno 2013 dedicato proprio alla cultura italiana in USA.


Nel corso dell'anno 2013, in tutti gli stati americani, i due paesi, Italia & Usa, come in una sorta di gemellaggio, si sono dati obbiettivi precisi per promuovere in tutto il territorio americano, la cultura italiana in qualsiasi forma come si può ascoltare nel messaggio, dalle parole del maestro Andrea Bocelli nel sito (www.italyinus2013.org.) dedicato all' evento ITALY IN US 2013 e patrocinato dallo Stato italiano.

"L'Italia ha dato alla civiltà occidentale l'arte, la cultura, e la storia... Esorto tutti voi a promuovere l'anno della cultura italiana in modo da poter mostrare la ricca storia della nostra patria, I'Italia".

In America stanno prendendo vita e si stanno sviluppando secondo un ricco e folto calendario, eventi impregnati di cultura tricolore, tra i quali non poteva di certo mancare la cucina. Ed ecco che ormai noto come lo "chef del pane" ma non solo, lo spensierato e bizzarro giovane made in Fosombrone, Luca Zanchetti, che viaggia girando il mondo curioso di scrutare e scoprire i segreti del suo mestiere, unendo alla sua professione e all'amore per la cucina, la passione per l'arte bianca è stato chiamato a promuovere il cibo italiano a Philadelphia ed Atlantic City. Per tre mesi ha realizzato a Philadelphia menù regionali, sponsorizzando cultura gastronomica italiana. Ha partecipato a due eventi di gala, di cui uno a scopo benefico, all'interno dei modernissimi casinò di Atlantic City presentando e proponendo due classici della cucina italiana , la parmigiana di melanzane su 8 piani di mozzarella, e il cappellaccio ripieno di pecorino mela e pistacchio, il tutto in chiave creativa e moderna riscuotendo notevole successo tra gli ospiti delle serate.

Grazie alla sua professionalità, alta ed apprezzata, lo chef Zanchetti ha potuto intraprendere molteplici progetti anche a base di arte bianca, portando con se dall'Italia il suo lievito madre biologico, dando così vita alla divulgazione e promozione di un pane sano, tradizionale italiano, servito e degustato nelle sue molteplici tipologie in entrambi i locali Girasole di Philadelphia ed Atlantic City. Un pane buono e sano, preparato esclusivamente con il suo lievito madre biologico, farine biodinamiche e ingredienti genuini scelti accuratamente. Come già a Buenos Aires, Zanchetti organizza e tiene corsi di panificazione a lievitazione naturale al personale dei locali e spaccia il suo lievito madre biologico (esportato per l'occasione), perché poi localmente i corsisti possano continuare a panificare secondo questi sani principi e con questa metodologia.

La sua passione per l'arte bianca esportata oltreoceano, è sfociata da qualche tempo in "un progetto che lievita", dando vita ad un sito web (www.panenostro.com) che ospita anche il Museo Virtuale del Pane, un banchetto di ricerca da condividere in rete con chi, oltre ad essere appassionato del pane a livello gastronomico, ha fame e vuole saziarsi di pane vero e sano anche a livello storico, politico, religioso, curioso e simpatico.

Lo Chef Luca Zanchetti tramite panenostro.com, in qualità di "spacciatore" di lievito madre ha aderito lo scorso 02 febbraio al Pasta Madre Day 2013, organizzando un evento unico contemporaneamente a Fano (PU-Italia), Philadelphia ed Atlantic City (USA-America), tra dialoghi, dibattiti, spaccio di lievito madre biologico, panificazione e cottura di pane a pasta madre biologica. Due continenti, Europa e America, uniti nel segno e nella cultura del pane, alimento basilare ed essenziale di tutti i tempi e tutte le epoche, per qualsiasi uomo sulla faccia della terra.

Per la Settimana Santa e la Pasqua ormai imminente, lo chef ha realizzato in Usa anche alcuni pani tipici del periodo pasquale, come la meravigliosa treccia all'uovo e la crescia di pasqua marchigiana utilizzando rigorosamente il suo lievito madre biologico. Lievito madre che, come promesso, al suo rientro in Italia lascerà ben volentieri (almeno una parte) in dono ai ragazzi della brigata di cucina dei due locali e anche ad alcuni amici e colleghi di New York che saputa della venuta dello chef Zanchetti in compagnia del suo lievito madre bio, si sono prenotati per poterne avere una dose e continuare così questa meravigliosa arte lievitata in modo sano, nel rispetto dell'uomo, dell'ambiente e della tradizione. "Un onore per me sponsorizzare in questi locali la cultura gastronomica italiana. E' molto intrigante esportare la cultura gastronomica italiana mescolandola poi a quella locale, per imprimere e far capire all' interno delle cucine di ristoranti italiani in America, l'affascinante tradizione, la storia e la ricchezza della cultura che ogni cibo o pietanza racchiude, sperimentando sempre nuove ed originali avventure" ha dichiarato lo chef Luca Zanchetti. "Sono i responsabili del pane a loro lascerò il lievito: un grazie a Bruno, Rosaria, Esteban che terranno in custodia il lievito madre biologico".

You may be interested