Per americani ed europei il centro del mondo resta a Occidente

Sep 20, 2013 998

By Alberto Simoni

La rotazione della geopolitica terrestre è evidentemente più lenta di quanto sembri. Lo è soprattutto agli occhi dell'opinione pubblica americana ed europea che rimane ancorata a una visione bipolare del mondo imperniato, come da tradizione dopo la Seconda Guerra Mondiale, sull'asse Stati Uniti/Europa.

E così la Cina condiziona i mercati, attrae capitali e conquista spazio anche nel dibattito culturale planetario, ma resta ai margini del processo decisionale; e pure la Russia del redivivo Putin non riesce a scalfire le certezze dell'opinione pubblica occidentale ed è percepita come attore di secondo piano malgrado l'attivismo (e il successo innegabile ad ora) sul fronte siriano da dove due anni fa era praticamente assente. 

Read more

Source: http://www.lastampa.it

You may be interested